Barletta


ERACLIO
 

Eraclio, alle spalle la Basilica del Santo Sepolcro

Eraclio, il colosso di Barletta (alle spalle la Basilica del Santo Sepolcro)

Eraclio, detto in dialetto barlettano "Arè", è il personaggio più popolare, punto di riferimento delle passeggiate dei barlettani, che da più di 500 anni veglia sulla nostra città. Si tratta di una statua alta 5,10 m., una delle più alte statue bronzee al mondo. È una statua bizantina del IV secolo, posta su basamento di pietra, davanti alla Basilica del Santo Sepolcro.

Ha il capo adorno da un diadema imperiale con due file di perle,da cui scendono due pendenti dietro le orecchie. Vestito con una casacca militare sgualcita da numerose pieghe simmetriche. Il braccio destro, coperto da mezza manica, sostiene una croce, mentre su quello sinistro è ripiegato un manto imperiale. Nella mano sinistra regge un globo.

La faccia di Eraclio

Lo sguardo del gigante

 

 

The mysterious giant of Barletta

The mysterious giant of Barletta, La favola di Eraclio scritta da Tomie Depaola

Tomie Depaola, uno scrittore americano di libri per bambini ha scritto "The mysterious giant of Barletta" (il misterioso gigante di Barletta), che racconta la leggenda di Eraclio, il quale, all'approdo di un esercito nemico sulle coste barlettane si fece trovare piangente. Motivo? Era l'uomo più basso di Barletta. I nemici ovviamente scapparono. 

Eraclio, il colosso visto dall'alto

Il colosso di Barletta visto dall'alto

 

Eraclio, il gigante di Barletta

Eraclio, la statua è posta su corso Vittorio Emanuele