Il Notiziario della Proloco e Canne della Battaglia

 

STADIO PUTTILLI: ATTENZIONE, NON SBAGLIATE!

(4 agosto 2011)

 

 


Il progetto del CONI, quello dei 3 milioni di euro
buttati al vento (ingrandisci).



I lavori da eseguire secondo noi, cioè la curva
(che per noi va invertita, quella degli ultras) e la tribuna
(ingrandisci).



Lo Stadio Puttilli finale, una struttura da 20.000 posti pronta per la serie A (ingrandisci).


Lo stadio Puttilli, visione aerea.


La curva durante la presentazione della squadra.

Lo stadio di Barletta non è un circo, e non deve diventarlo!

Questa volta non si può e non si deve sbagliare: lo stadio di Barletta deve essere una struttura che servirà a dare il cambiamento della mentalità di questa città, dobbiamo avere una squadra ad alti livelli, non una squadretta di dilettanti.

Ora più che mai è ora di smetterla di buttare soldi per fare solo aborti, come il progetto che è stato presentato dal CONI (che non ha alcuna colpa ovviamente). Il progetto mira a buttare soldi nel mare, in molte città è stato bocciato, e in altre città poi strutture del genere sono state nel giro di qualche anno demolite.

L'augurio di chi vi scrive e di numerosissimi barlettani è che tale eventualità non venga mai presa in considerazione, perché si butterebbero via più di 6 miliardi delle vecchie lire.

Vi spiego meglio, e mi rivolgo a chi di competenza: se si realizzasse tale aborto andremmo a peggiorare la situazione dello stesso, in quanto già da subito avremmo problemi, peggio di quelli già esistenti, non parliamo poi del fatto che se a breve questa "impalcatura" dovesse essere abbattuta avremmo doppio costo di demolizione, sia la struttura in cemento che quella in metallo... bella schifezza!

Abbiamo tappato i buchi di questo stadio per anni, buttando fior di miliardi alle ortiche, è uno stadio nato nel 1970 e nato davvero molto male, chi lo ha progettato non aveva alcuna concezione "sportiva", la prospettiva era ed è sbagliatissima i gradoni sono bassissimi e ciò non permette la giusta visione della partita. Col passare degli anni lo stadio si è ampliato, ma i problemi non si sono risolti... ultimamente poi sembra di essere in un'arena romana tra fossati, doppie/triple vetrate, trappole per rendere più difficile il soggiorno del tifoso durante le 2 ore del match.

Ora non commettiamo errori, mi rivolgo a chi di dovere, modestamente senza presunzione... posso dare un consiglio molto prezioso: l'ampliamento deve essere eseguito a stadi di avanzamento, maaaaa non con i tubi innocenti (come nei circhi), ma costruendo tribune stabili in cemento e l'innalzamento dapprima della tribuna con la curva dei nostri ultras, mentre la gradinata e la curva degli ospiti momentaneamente possono restare quelle di ora, e solo nel momento in cui saliremo di categoria al punto tale da aver bisogno di uno stadio da 20.000 posti, si completerebbe il tutto, avendo in fine uno stadio da serie A che tutti ci invidierebbero e senza buttare al vento, mare, ortiche, nemmeno un centesimo.

Non capita spesso di trovare un presidente in gamba come il sig. Tatò. Il presidente ama questa città come poche persone, da vero barlettano, ama la squadra e tifosi, mostra una competenza ed un attaccamento unico e da non sottovalutare: quest'uomo ci porterà in serie A, ma per far sì che questo avvenga dobbiamo avere uno stadio da serie A. Si potrebbe coinvolgere anche sponsors di altissima qualità, come accade in altri posti del mondo, parlo di nomi come Adidas, Nike, ecc.

 

commenta

Presidente della Proloco Barletta
e Canne della Battaglia
Gino Vitrani

torna al notiziario

Commento della Sig.ra Loredana da Barletta
(8 agosto 2011)

Ciao Presidente, sono una mamma, vorrei soltanto dire che tutti questi soldi che dovrebbero spendere per ricostruire questo stadio potrebbero convogliarli verso la manutenzione delle nostre scuole che cadono a pezzi.

Penso che l'ultimo problema di questa città sia lo stadio, lo facessero con i soldi degli sponsor, ma il denaro delle casse comunali dovrebbero essere riservati a fabbisogni primari: le aule sono carenti di tutto, cadono pezzi di intonaco, i banchi sono da sostituire, molto spesso, a causa della cattiva manutenzione, l'impianto di riscaldamento si blocca proprio nei mesi freddi. Insomma, lasciamo perdere lo stadio e pensiamo ai nostri figli! Grazie Presidente.

Risposta del Presidente Gino Vitrani
(8 agosto 2011)

Ciao Loredana, grazie del tuo commento costruttivo. Per quanto riguarda il nostro appello al nuovo stadio non vuol togliere niente a tutte le scuole che Barletta ha anche in sufficienza. Le scuole a Barletta sono sempre state in stato precario, proprio perché nessuno mai si lamenta, nessuno insiste nel riferire ai dirigenti le carenze delle aule, e tutte le problematiche che tu hai citato e che ogni anno i ragazzi devono affrontare a discapito dello studio, dell'insegnamento e quant'altro. Per quanto riguarda lo stadio, noi abbiamo soltanto fatto un appello a non buttare soldi inutili, in parole povere, se proprio lo devono fare, lo facessero come abbiamo suggerito noi. Grazie ancora per la tua particolare ed accurata osservazione.